Lavatrici di dimensioni ridotte per chi ha poco spazio

Lo spazio in casa è sempre più poco! E’ vero, infatti ogni volta ci lamentiamo di non aver una superficie a sufficienza per posizionare oggetti, mobili, elettrodomestici ed altro! Se si tratta però di un stendibiancheria oppure di alcuni oggetti non troppo preziosi, è possibile lasciarli fuori casa o più comodamente sul balcone.

Ok, ma se si tratta di un elettrodomestico? Certamente non sarebbe adatto lasciarlo all’aperto, visto che le temperature di notte possono scendere parecchio oppure il tutto può risultare molto scomodo!

Come fare perciò a trovare la giusta soluzione?

La soluzione c’è! Infatti esistono da sempre le cosiddette lavatrici slim; tradotto in italiano significa lavatrici che presentano una profondità ridotta! In genere può essere superiore ai 35 cm, oppure per i modelli più sottili si arriva a dimensioni minori di 35 cm (in alcuni casi anche a 32 cm).

Ci sono molte lavatrici di dimensioni ridotte e presentano le stesse caratteristiche di un modello tradizionale. Infatti seppur possa risultare strano, l’oblò è poco più piccolo in larghezza (ma non in altezza!).

I programmi o le altre funzionalità sono invece le stesse, se non migliori. Infatti in molti casi vengono integrate modalità che permettono lavaggi rapidi, rapidissimi (15 minuti) oppure la “tanto amata” funzione di partenza ritardata. Nei modelli REX-Electrolux invece è possibile impostare l’orario di fine, cioè il momento esatto in cui si vuole avere i panni pronti e già lavati.

Quale lavatrice slim scegliere?

Certo premettiamo che la scelta non è facilissima, ma una guida alcune dritte possono risolvere tutti i dubbi. Di certo esistono molti modelli, ma pochi sono adatti alle proprie esigenze.  Ok, come fare perciò? Nessun problema, ecco che cosa tenere conto per fare un acquisto perfetto:

  • La fascia di prezzo: il costo oscilla dai 300 euro in su; da che cosa dipende? Essenzialmente dalla capacità di carico, dal design (display LCD, touch screen…) e dal marchio.
  • La marca: non sempre significa garanzia di un buon prodotto, ma per la maggior parte dei casi sì! Samsung, propone modelli molto alla “moda” e con un design sempre ricercato; Bosch è un marchio “tedesco” e quindi il design è minimalista (ma non le funzionalità); Rex-Electrolux invece riesce a combinare un design apprezzabile ed i migliori programmi.
  • La rumorosità: tendenzialmente una lavatrice slim è più rumorosa a causa della scocca (che la circonda) più piccola. Spesso però questo è un “falso mito” infatti grazie a particolari motori inverter o spazzole, il rumore è quasi impercettibile.
  • La classe di efficienza energetica: la più frequente è di sicuro la A, ma al giorno d’oggi ci si è spinti oltre fino alla classe A+++ (-30%). Ormai la classificazione tradizionale ha perso valore, infatti le classi produttrici si rincorrono a chi produce elettrodomestici che consumano meno.
  • La capacità di carico massima: in una lavatrice slim i kg che può ospitare si aggirano dai 6 agli 8 kg. Sia per una famiglia, per una coppia o per chi vive da solo è un’ottima soluzione.

In conclusione, il segreto per essere soddisfatti del proprio acquisto è di certo scegliere bene! Non sempre un prezzo maggiore significa una qualità migliore ed allo stesso tempo neanche un prezzo troppo basso può essere reale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *