Lorenzo Patanè: da Tempesta d’amore al grande schermo con Pif

Lorenzo Patanè è uno dei personaggi più amati delle soap opera tedesca Tempesta d’amore. Il suo nome tradisce origini italiane ed effettivamente l’attore è nato da genitori italiani, emigrati in Germania.

Lorenzo, che tra pochi giorni compirà quarant’anni, vive e lavora proprio in Germania. Nel 2005 è entrato a far parte del cast della soap opera Sturm der Liebe, Tempesta d’amore appunto, trasmessa in Italia, dal 5 giugno 2006 su Canale 5 e poi su Rete 4. Nella fortunata soap opera, Lorenzo interpreta fino al 2008 il ruolo dello chef Robert Saalfeld. Grazie a questo personaggio arriva la popolarità per Lorenzo, che viene conosciuto e apprezzato non solo in Italia e Germania, ma in vari altri paesi del mondo dove la soap viene trasmessa con successo.

Il suo talento viene premiato il 31 maggio 2008, quando a Nola, in provincia di Napoli, insieme a Martin Gruber (Felix Tarrasch) e Susan Hoecke (Viktoria Tarrasch), Lorenzio riceve un riconoscimento speciale, per l’interpretazione in Tempesta d’amore, nell’ambito del Premio Napoli Cultural Classic. In questi giorni Lorenzo Patanè arriva al cinema con un nuovo entusiasmante ruolo nella pellicola di Pif dal titolo “In guerra per amore”. Nel film Lorenzo interpreta in ruolo di Carmelo, promesso sposo della bellissima Flora. La ragazza tuttavia tenta di respingere in tutti i modi Carmelo e di evitare il matrimonio con lui, organizzato per meri interessi economici dal padre di Flora.

Carmelo infatti è il figlio di un uomo potente di origini siciliane ma trasferitosi con la famiglia in America. Lorenzo interpreta il ruolo di un personaggio forte e al tempo stesso buffo, poiché respinto in malo modo dalla donna che ama. In realtà non si tratta della prima comparsa sul grande schermo per Lorenzo Patanè. Il suo debutto al cinema risale al 22 febbraio 2008, quando interpreta il ruolo del protagonista Harry nel cortometraggio tedesco “Harry & Bo”. A questo seguono molti altri film, tra cui “Selene” nel 2013, “Child K” nel 2014 e “L’angelo zingaro” nel 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *