Tatuaggio: rimuoverlo è veramente doloroso?

Una volta fatto un tatuaggio rimuoverlo è molto difficile, il più delle volte siete destinati a tenerlo per tutta la vita. Tuttavia, c’è anche da sottolineare che ormai ai tempi d’oggi sono differenti i metodi di rimozione del tatuaggio che consentono – con un bel po’ di dolore – di liberarsi di quello che, ad un certo punto della nostra vita, potremmo considerare come un brutto errore fatto da giovani, un qualcosa fatto prevalentemente per seguire la massa.

La domanda alla quale tenteremo di rispondere nel post odierno non riguarda la possibilità o meno di eliminare il proprio disegno sulla pelle, ma il dolore che comporta.

In molti ad oggi si pongono questa domanda: si prova veramente molto dolore eliminare il tatuaggio? Oppure il tutto è più che sopportabile? Vediamo il tutto insieme.

Avete mai sentito parlare del metodo dell’abrasione dei tatuaggi? Quest’ultimo molto probabilmente è quello che desta maggiore preoccupazione. Si tratta di un vecchio metodo di chirurgia estetica, che ormai non viene praticato più da nessuno perché:

  • I risultati sono a dir poco pessimi, visto che i tatuaggi più profondi lasciano cicatrici ben evidenti;
  • Il dolore è forte e spesso bisogna tassativamente ricorrere all’anestesia totale o locale.

Si tratta di un metodo da escludere assolutamente, dato che ormai si opera, quasi in ogni caso, con il laser. Quest’ultimo agisce in maniera completa diversa ai canoni di rimozione per abrasione. Si tratta di un metodo che, facendo affidamento a laser su frequenze particolari, riesce con il passare dei minuti a ridurre la grandezza delle particelle di inchiostro, che poi di conseguenza verranno espulse in maniera automatica dal nostro corpo.

Da evidenziare che anche questo sistema non è proprio privo di dolore. Si possono sentire pizzichi molto forti e una sensazione di forte calore sotto pelle. Non è di certo un’esperienza piacevole, anche se comunque parliamo di un dolore che, per quasi tutti, dovrebbe essere ritenuto più che sopportabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *